Passa al contenuto
Logo_Sebotics_new
Home » Ecco come si dimostra il primo robot gastro

Ecco come si dimostra il primo robot gastro

Un impiegato di Sebotics scansiona la sala di un ristorante con Bellabot

Ecco come si dimostra il primo robot gastronomico nella gastronomia svizzera

* Brasserie nel Museo Svizzero dei Trasporti della Svizzera, che attraverso il Società cooperative ZFV è operativo, un robot gastronomico supporta il personale dall'inizio di ottobre. Abbiamo chiesto se il nuovo dipendente potesse mettersi alla prova e come gli ospiti e gli organizzatori esterni hanno reagito nei suoi confronti.

Installazione del robot gastronomico BellaBots nella brasserie del Museo Svizzero dei Trasporti
Approfondimento sull'installazione del BellaBot nella brasserie del Museo Svizzero dei Trasporti.

Un robot gastronomico bianco e nero, simile a una colonna, si muove attraverso la brasserie su ruote silenziose Museo dei Trasporti. Con il suo viso animato e le orecchie da gatto, sembra molto amichevole e attira gli occhi curiosi dei bambini poco dopo l'apertura del museo. Ti trovi raggiante davanti all'ingresso della brasserie e guardi l'impiegato un po' diverso dell'azienda.

Il robot per la ristorazione, che i dipendenti chiamano affettuosamente "Werni", proviene dall'azienda lucernese Sebotics, una filiale di Precom Group AG. L'azienda è principalmente impegnata nella digitalizzazione in vari settori. L'amministratore delegato e proprietario Thomas Holenstein conosce fin troppo bene i pregiudizi nei confronti del suo ultimo prodotto. “È un'idea sbagliata che la progressiva digitalizzazione porterà inevitabilmente alla perdita di posti di lavoro. grazie a Bellabot solo il lavoro monotono può essere facilitato. E per dare una mano ai dipendenti della gastronomia”, spiega Holenstein.

Un supporto a cui ci si deve abituare

Come con qualsiasi nuovo dipendente, i supervisori e i colleghi dovrebbero essere preparati per una fase di introduzione di diverse settimane con un robot per la ristorazione. «Se non ti prendi il tempo per capire il robot e non sei aperto a una tale novità, lo farai Bellabot nessun aiuto", riferisce il manager di Sebotics.

Perché nella brasserie del Museo Svizzero dei Trasporti i dipendenti sono stati entusiasti sin dall'inizio. Hanno assunto immediatamente il nuovo compito. 

Hans Bühlmann, responsabile della gastronomia del Museo Svizzero dei Trasporti con Thomas Holenstein, amministratore delegato di Sebotics
Hans Bühlmann, responsabile della gastronomia del Museo Svizzero dei Trasporti con Thomas Holenstein, amministratore delegato di Sebotics

Hans Bühlmann, responsabile del settore della ristorazione pubblica presso la cooperativa ZFV-Unternehmungen: “The Bellabot supporta i nostri dipendenti nel loro lavoro quotidiano. Ad esempio quando si servono o si eliminano cibi e bevande. 

Con la sua tecnologia innovativa, il robot, come collegamento giocoso all'esperienza museale, si adatta perfettamente alla gastronomia del Museo Svizzero dei Trasporti. Tuttavia, questo non sostituisce né gli specialisti né gli assistenti. Nemmeno l'importante contatto umano con i nostri ospiti». Bellabot Sono molto ben accolto dal team di gastronomia e dagli ospiti. Il robot è un ottimo supporto in tempi frenetici.

Robot gastronomico: un richiamo alla folla non solo per i bambini

Con il suo carattere amichevole, "Werni" ha suscitato non solo l'interesse dei bambini, ma anche degli adulti e delle grandi aziende. Di conseguenza, il popolare robot gastronomico è stato invitato a vari eventi nel Museo Svizzero dei Trasporti:

L'entusiasmo da parte dei visitatori dell'evento è stato grande e le chicche sugli scaffali del robot sono sparite in fretta.

Robot gastronomico BellaBot durante il Digital Day
BellaBot al Digital Day
Robot gastronomico BellaBot all'evento "Notte al Museo"
BellaBot su "Una notte al museo"
Robot gastronomico BellaBot all'evento RedBull
BellaBot all'evento RedBull

Naturalmente, "Werni" ha potuto partecipare ad altri eventi come "Una notte al museo" o il "Maratona cittadina svizzera» non manca. Anche qui ha dato il cambio al personale durante le faticose ore.

Oggi è un po' più tranquillo nella brasserie. Tuttavia, "Werni" si muove abilmente tra i tavoli con qualche tazza di caffè. Si può dire che questo nuovo dipendente è stato ben accolto e, almeno dal suo team, che la brasserie del Museo Svizzero dei Trasporti sarebbe inconcepibile senza di lui.

ti piace quello che leggi Quindi mostralo ai tuoi amici.

Facebook
LinkedIn
WhatsApp
Iscriviti alla conoscenza privilegiata del BellaBot

Iscriviti alla newsletter di Sebotics per ricevere tutte le domande e le risposte importanti su BellaBot e sui robot di servizio.

Commercializzazione di